Strain Counterstrain - Jones Institute Italia - Corsi di Formazione Sanitaria

Vai ai contenuti

Perché la riabilitazione fisioterapica non serve a nulla?

Jones Institute Italia - Corsi di Formazione Sanitaria
Pubblicato da in Generico · 11 Febbraio 2020
Tags: osteopatiascuola
Spesso si sentono frasi del tipo: “Sono moltissime le situazioni in cui un paziente non riabilitato si riabilita da solo, semplicemente compiendo i gesti della vita quotidiana”. Molte volte i medici stessi dicono al paziente di muovere quella parte che sia riabiliterà da sola con il tempo. Spesso il paziente durante la riabilitazione ha forti dolori e la riabilitazione sia essa con elettromedicali, sia essa con esercizi attivi o passivi sia essa con mobilizzazioni tende solo a peggiorare il paziente. Quindi potremmo da questo realmente dedurre che la riabilitazione non serve a nulla? No di certo! Pensiamo a tutti quei pazienti che senza riabilitazione non si sarebbero mai alzati da una sedia; non avrebbero recuperato il range di movimento che hanno recuperato, sarebbero pure morti per allettamento e così via. Allora perché c'è chi dice così? E dove essa non serve a nulla?



Essa non serve a nulla ed è pure dannosa quando eseguita su di un paziente nel quale sono rimasti degli errori neurologici, i quali con difficoltà si correggeranno con la fisioterapia classica; se non per mera combinazione di movimenti non voluti dall’operatore, che porteranno al recupero dell’errore neurologico e quindi al ripristino della funzione che allora potrà essere riabilitata. Fino a quel momento, in questi casi, tutte le metodiche fisioterapiche classiche possono solo fallire e far peggiorare il paziente. Come si fa allora a capire se un problema porta con se un errore neurologico periferico e centrale e quindi necessità prima di un “reset” del sistema nervoso?

Beh c’è una tecnica sopra tutte che può fare questo, ed è lo Strain Counterstrain. Grazie a dei semplici test si è in grado immediatamente di: valutare lo stato neurologico periferico; se esso risulta alterato o compromesso, altrettanto immediatamente permette di rimodularlo con una verifica immediata per capire se vi è stata una risposta centrale e periferica di correzione. Da lì in poi oltre il 50% delle cose tendono a non necessitare più di una riabilitazione massiva; anzi spesso non necessitano di nessuna riabilitazione; e tutto questo in pochi minuti. Se vuoi scoprire come, iscriviti ad uno dei nostri workshop o direttamente ad un nostro corso, ma non prima di aver verificato la veridicità delle nostre parole, guardando i video dell’applicabilità della tecnica all'indirizzo: www.youtube.com/user/JonesCounterstrain/

Solo in questo modo potrai essere un terapista completo e potrai dimostrare ai medici che la riabilitazione se ben coadiuvata e fondamentale e dove non serve si può agire con altri mezzi, ma non lasciare al caso la guarigione del paziente.

Guarda gli innumerevoli video sul nostro sito e sulla nostra pagina youtube: www.youtube.com/user/JonesCounterstrain per renderti conto con i tuoi occhi dell’efficacia del metodo; oltre che le oltre 50 pubblicazioni che abbiamo nonostante consideriamo EBM uno spicchio marginale della realtà medica.


Vieni a scoprire l’affascinante mondo del Counterstrain e tutte le sue applicabilità all'indirizzo: www.jiscs.it/scuola


Bookmark and Share

Nessun commento
Torna ai contenuti