Chi è realmente l'osteopata?

Vai ai contenuti

Chi è realmente l'osteopata?

Jones Institute Italia - Corsi di Formazione Sanitaria
Pubblicato da Dr. Erik E. Gandino in Generico · 27 Maggio 2021
Tags: osteopatiascuola
L'Osteopatia nasce in America alla fine del 1800 e negli anni si afferma sempre più in ambito scientifico. In America l’insegnamento della Medicina e Chirurgia avviene tramite due specifici indirizzi:la scuola di medicina ortodossa e quella di medicina osteopatica. Questa differenziazione è una realtà specifica dei soli States in cui dunque si hanno laureati in medicina (Medical Doctor, MD) e in medicina osteopatica (Osteopathy Doctor, DO).



L’iter formativo di queste due diverse scuole ha una base comune di studi medico-chirurgico; per quanto riguarda l’osteopatia, essa integra l’insegnamento della medicina con aspetti manuali manipolativi. Al termine di questo percorso il DO è qualificato tanto quanto il MD per: prescrivere, eseguire interventi chirurgici, far partorire e intraprendere altri servizi me-dici. Inoltre il medico DO, completato il suo percorso di laurea, può acce-dere a una specialistica in qualsiasi ramo della medicina classica. (1, 2). Ciò che differenzia un medico osteopata da un medico tradizionale è la ca-pacità diagnostica attraverso l’indagine pratica manuale, la cosiddetta ca-pacità palpatoria, indagine tanto raffinata nel tempo da potersi paragonare oggi alle tecniche specialistiche, tuttavia mentre nella medicina classica la robotica e l’indagine strumentale si è molto evoluta, nell’ambito dell’osteopatia questo non è avvenuto e difficilmente si potrà sviluppare.
A partire dal 1991 la definizione ufficiale di “medicina osteopatica” da parte della Associazione Osteopatica Americana (AOA) è stata periodica-mente rivista. Oggi la definizione più aggiornata è: “Un sistema completo di assistenza medica con una filosofia che combina i bisogni del paziente con l'attuale pratica della medicina, chirurgia e ostetricia; che sottolinea l'interrelazione tra struttura e funzione e questo grazie alla riconosciuta ca-pacità del corpo di auto guarirsi”.



La medicina osteopatica si avvale, come l’ortodossa, di valutazioni stru-mentali e di analisi biochimiche, oltre a un accurato esame obiettivo dell’apparato muscolo-scheletrico (MSK) e di altri apparati. Il DO si acco-muna anche ad altre figure professionali sanitarie non mediche, come per esempio il fisioterapista o il chiropratico, nella capacità manuale, ma si differenzia da queste per il complesso bagaglio di competenze mediche che gli permettono conoscenze diagnostiche, utili al fine di effettuare diagnosi primaria zonale dell’apparato MSK o differenziale che dal resto dell’organismo irradiano all’apparato MSK.

L’unicità dell’osteopatia dunque risiede nel coniugare teoria e pratica clini-ca arrivando a preparare professionisti del settore in grado di valutare l’apparato MSK per ristabilire la normale funzione biomeccanica del corpo attraverso l'uso della medicina manuale manipolativa (3).
La medicina osteopatica riconosce l’apparato MSK come fondamentale per la piena espressione della vita umana. I visceri servono l’apparato MSK fornendo nutrimento ad esso e rimuovendo i suoi rifiuti tossico-metabolici. Pertanto, nel valutare il paziente, il medico osteopata considera il corpo come un’unità integrata che comprende più funzioni complesse e strutture interconnesse. Un altro importante principio nella medicina osteopatica è che struttura e funzione sono intimamente correlate e da questo deriva che una problematica nella struttura di qualsiasi parte del corpo può portare a funzioni anomale, sia locali sia proiettate ad altri sistemi (principio dell’unità del corpo). Attraverso la pratica terapeutica specifica della sua disciplina il DO influenza il sistema circolatorio e neurovegetativo per ri-stabilire le aree perturbate (4).


(1)    Eileen L DiGiovanna, Stanley Schiowitz, Dennis J Dowling. An Osteopathic Approach to Diagnosis and Treatment THIRD EDITION An Osteopathic Approach to Diagnosis and Treatment.
(2)    Anthony G Chila, Jane E Carreiro. Foundations of Osteopathic Medicine American Osteopathic Association.
(3)    Nicholas A, Nicholas E, 2008. Atlas of Osteopathic Techniques. Philadelphia, PA: Lippincott Williams & Wilkins.
(4)    Northup GW, 1966. Osteopathic Medicine: An American Reformation. Chicago: American Osteopathic Association, Singer.


Per imparare e trattare tutti questi aspetti la formazione specialistica post universitaria in Counterstrain è la formazione giusta per gli operatori del settore! La più completa che un operatore sanitario possa frequentare per comprendere, risolvere ed indirizzare le problematiche viscero-organiche nella loro ampia complessità.

Guarda gli innumerevoli video sul nostro sito e sulla nostra pagina youtube: Youtube.com/JonesCounterstrain per renderti conto con i tuoi occhi dell’efficacia del metodo; oltre che le oltre 50 pubblicazioni che abbiamo nonostante consideriamo EBM uno spicchio marginale della realtà medica.

Vieni a scoprire l’affascinante mondo del Counterstrain e tutte le sue applicabilità all'indirizzo: www.jiscs.it/scuola


Bookmark and Share

0
recensioni
Torna ai contenuti